Il nuovo Superbonus 80% (confermato nel D.L. 152/2021) si rivolge al settore dell’ospitalità: numerose strutture ricettive italiane potranno infatti beneficiare di un credito d’imposta dell’80% e di un contributo a fondo perduto del 50%.

I beneficiari

Gli incentivi sono riconosciuti alle imprese alberghiere, alle imprese che esercitano attività agrituristica, alle imprese che gestiscono strutture ricettive all’aria aperta, nonché alle imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale, ivi compresi gli stabilimenti balneari, i complessi termali, i porti turistici, i parchi tematici (inclusi i parchi acquatici e faunistici).

Gli incentivi concessi

Ai beneficiari del Superbonus sono riconosciute due tipologie di incentivo:

  • Un contributo, sotto forma di credito di imposta, fino all’80 per cento delle spese sostenute per gli interventi ammissibili.
  • Un contributo a fondo perduto non superiore al 50 per cento delle spese sostenute per gli interventi ammissibili.

Le spese ammissibili

Il contributo a fondo perduto e il credito d’imposta sono riconosciuti in relazione alle spese sostenute per effettuare i seguenti interventi:

  1.  interventi di incremento dell’efficienza energetica delle strutture e di riqualificazione antisismica;
  2.  interventi di eliminazione delle barriere architettoniche:
  3.  interventi edilizi;
  4.  realizzazione di piscine termali e acquisizione di attrezzature e apparecchiature per lo svolgimento delle attività termali;
  5.  interventi di digitalizzazione.

Ti servono maggiori informazioni?

Siamo a tua disposizione!